MUSA, il museo del sale

MUSA, il museo del sale

7 Giugno 2022

Il MUSA, museo del sale di Cervia, è nato per mantenere vivo il ricordo del lavoro in salina ed ha raccolto documenti, attrezzi e foto che testimoniano l'ambiente e la produzione del sale. È un museo etnografico che pone al centro l'uomo e la sua cultura. Musa è riconosciuto Museo di Qualità della Regione Emilia Romagna. E’ stato inaugurato con una veste rinnovata nel 2004 e posto stabilmente all’interno del magazzino del sale torre in via Nazario Sauro. L’obiettivo del museo è la tutela, la conservazione e la valorizzazione di oggetti, immagini e documenti testimoni della civiltà del sale. Il museo vuole essere luogo di stimolo e riflessione nonché sede di servizi utili alla città, ai suoi ospiti e al pubblico in generale.

Luogo di incontro, crescita culturale e ricerca, conserva,  valorizza e promuove lo studio e la conoscenza del patrimonio materiale  e immateriale  della città allo scopo di preservare la memoria e stimolare interesse per il passato e per la storia della città. Il museo si sviluppa attraverso percorsi che esplorano l’evoluzione dei paesaggi e della comunità. Attraverso lo stimolo dei sensi si vive l’avventura della storia, della produzione del sale, del lavoro dell’uomo, della vita sociale. All’interno del museo spiccano alcuni pezzi particolarmente interessanti e singolari quali la burchiella, imbarcazione in ferro a fondo piatto utilizzata fino alla fine degli anni ’50 per il trasporto del sale. Di grande interesse  gli antichi attrezzi in legno usati per la produzione e la raccolta del sale, le immagini  dei salinari al lavoro, oggettistica  e tutto ciò che ruota attorno alla produzione del sale e all’antica salina.

Nel 2013  MUSA ha aperto una  sezione archeologica che ospita importanti  reperti che tracciano la storia dei luoghi fra i quali sono  da ricordare un frammento di  cippo funerario con  testa di medusa risalente al I-II sec., ancora e contenitore in rame della nave altomedievale (VI-VII sec.) scoperta in una cava di sabbia nel 1956 e  i tappeti musivi della Chiesa di San Martino prope litus maris ( VI sec.), importante rinvenimento del 1989 in un’area attigua alle saline.

Parte integrante e sezione all’aperto del museo è la salina Camillone, ultimo dei fondi saliferi a lavorazione artigianale esistenti  prima del 1959 quando avvenne la trasformazione strutturale e funzionale delle saline cervesi. Mantenuta attiva  dai volontari del  Gruppo Culturale Civiltà salinara la  Camillone  produce ancora il sale con l’antico sistema  artigianale  di raccolta multipla che  avviene ogni giorno alternando i bacini.
Il sale di Cervia è riconosciuto Presidio Slow Food dal 2004. Il 22 dicembre 2018 il Musa è stato intitolato ad Agostino Finchi, salinaro che ha voluto fortemente la realizzazione di un museo che ricordasse e valorizzasse la civiltà del sale.
 
VEDI TUTTE

Offerte e Pacchetti

NEWSLETTER
LASCIACI IL TUO INDIRIZZO
LO TRATTEREMO CON CURA
Riceverai in anteprima tutte le nostre offerte.
hotelbassetti it 3-it-328515-musa-il-museo-del-sale 055 Siamo una grande famiglia E VOGLIAMO DARTI OTTIMI CONSIGLI ENTRA IN HOTEL ATTRAVERSO IL BLOG

Amiamo e accettiamo gli animali
Mela e Bacco ti aspettano!

Solo cose belle

Settimana Rilassante

Soggiorno di qualità. Vale i soldi spesi . Pulizia impeccabile, camere disinfettate ogni giorno, sostituzione...[leggi tutto]
Utente: Elena
Data del soggiorno: Agosto 2020
VEDI TUTTE
Pinarella - Viale San Marino, 6 48015 (Ra) - IT
Tel. +39 0544 987267 - Fax +39 0544/987276
P.Iva 02266160395 - Privacy Policy (Preferenze Cookie)

FOLLOW US   hotelbassetti it 3-it-328515-musa-il-museo-del-sale 058
Credits TITANKA! Spa © 2017